sabato 30 novembre 2013

t-shirt no logo

snowtown

incongruenze semantiche



Spesso capita che nel florilegio di cartelli che, affastellandosi,  animano la scena urbana, alcuni risultino incongrui, altri inefficaci ed altri ancora criptici; questo collocato “a bordo strada” non si capisce se sia : un invito, un avviso od un auspicio.


giovedì 28 novembre 2013

mercoledì 27 novembre 2013

reminiscenze goliardiche



a  chi non torna in mente, guardando questa foto,  il celebre verso: “noi siam felici, noi siam contenti, ….” 

mai offrire la schiena al nemico (specie se  egli appare velato)

martedì 26 novembre 2013

lussuosa lussuria

"il denaro è come il sesso: se non l'hai non pensi ad altro; se lo hai non ci pensi più.

però: "cinch ghei püsé, ma rus"


la frase di apertura è di james baldwin



sabato 23 novembre 2013

nuove geometrie urbane

dalla "dissoluzione" della facciata alla "esplosione" , o giù di li ...

.... ad ogni buon conto: questa è un'opinione.

giovedì 21 novembre 2013

componente urbano

è bello pensare una città in cuì qualcuno da il giusto nome alle cose, facendole così uscire dall'anonimato. non so chi sia ma mi piace pensare ad un architetto, magari un po' avanti negli anni, che in modo discreto e cortese  classifica e denomina gli ignoti elementi edilizi che animano Porta Romana e dintorni.



grazie.

martedì 19 novembre 2013

tonno all’osteria



alla fatica del viaggio si contrappone il piacere della  degustazione. In tal caso è curioso assaggiare a Mantova uno dei migliori piatti di pesce che abbia mangiato; oltretutto servito con spirito …..

divino

lunedì 18 novembre 2013

marchette comunali



strano e curioso questo modo di affrancare la legittimità di un dubbio passo carrabile; però non sapevo dell' esistenza di marchette numerali del comune. Forse in tempi di magri bilanci ogni mezzo è lecito per trovare la quadra.

solferino street, milano

domenica 17 novembre 2013

reclame ante litteram



Mi chiedo, (e dunque propongo “una call” onde stabilire) se le figurazioni che adornano casa Galimberti  in via Malpighi  al 3, non suggeriscano un vago richiamo alle case di tolleranza che imperversavano nelle notti della  belle epoque ?

dür e che l’dura, e cito vessighet ( carlo porta “dormiven du tusan”,1810)